0 In BLOG/ CIBO/ ORTO

Fragole, ornamentali sì.. ma che gusto poi!

“Bisognerebbe chiedere ai bambini e agli uccelli che sapore hanno le ciliegie e le fragole.” Goethe

Le fragole sono il frutto di stagione più goloso di tutti: fatene crescere una piantina nel vostro orto o in un vaso sul vostro balcone e vi regaleranno un pizzico di gioia ogni volta che potrete staccarne una e gustarla!

La procedura più semplice è di acquistare delle piantine giovani da trapiantare, magari provenienti da agricoltura biologica. Il periodo migliore per piantarle è  sicuramente la primavera, tra aprile e maggio,  quando il rischio delle gelate è passato.

Quale varietà scegliere?

Esistono più di 600 varietà di fragole. Le varietà maggiormente commercializzate appartengono a due gruppi: unifere o non rifiorenti che producono il frutto una sola volta l’anno in primavera e bifere o rifiorenti che produco i frutti più volte l’anno dalla primavera fino all’autunno.

Le varietà più diffuse in Italia sono: la  Cesena, la Gorella,  l’Alba. Si può scegliere la varietà anche a seconda del gusto, della resistenza alle malattie o della produttività. Per la scelta affidatevi ad ogni modo al vostro vivaista di fiducia che vi  suggerirà la varietà che fa per voi.

Sappiate che ci sono varietà che danno i primi frutti già la stessa estate, altre invece che hanno bisogno di un periodo “freddo” e daranno i frutti solo dall’estate successiva. Anche se le varietà che producono dopo la seconda estate avrebbero frutti più saporiti.  Se non sapete aspettare optate per una varietà unifera.

Io quest’anno ho deciso di iniziare la mia coltivazione di fragole e ho optato per una varietà unifera che produrrà i primi frutti già per la fine della primavera. Mi piace gustare la frutta di stagione perché è corretto rispettare i tempi della natura e perché trovo nell’attesa della primizia un’emozione speciale. Sicuramente le piantine produrranno pressoché tutte insieme e se il raccolto sarà abbondante farò delle conserve da gustarmi durante il lungo inverno.

Come coltivarle

La coltivazione delle fragole può essere fatta da chiunque lo desideri anche se non si ha un giardino. Infatti le fragole possono essere coltivate sia in terra, basta un pezzettino di giardino, oppure in vaso che potrete sistemare sul vostro balcone o in terrazzo. Se sceglierete la coltivazione in vaso, il vaso di terracotta è ideale perché i fori alla base permettono l’ossigenazione del terreno e il drenaggio dell’acqua in eccesso. La pianta delle fragole è decisamente ornamentale ed è perfetta anche in vasi appesi per decorare il vostro terrazzo!

LeFragole amano il sole ma scegliete una posizione in cui il terreno non sia esposto alla luce diretta del sole per tutta la durata della giornata perché il troppo sole potrebbe bruciare le foglie.

Per il resto la coltivazione è la medesima. Il terreno perfetto è sabbioso e ricco di sostanze organiche con un Ph ottimale tra 5,5 a 6,5. L’ideale è munirsi di un compost organico. Fondamentale è assicurarsi che il terreno permetta un buon drenaggio dell’acqua. Se state piantando in vaso, disponete sul fondo dell’argilla  che permetta al terreno di non accumulare  ristagni. Prima di piantare assicuratevi che il terreno sia libero da erbacce. Se mettete le piantine a dimora in terra, preparate i solchi  facendo delle piccole collinette di terreno alte 20 cm e larghe circa 60 cm. Le piantine vanno disposte a una distanza di 20-25 cm l’una dall’altra facendo attenzione che la base della pianta sia parallela al terreno. Coprite tutte le radici con il terriccio premendo bene e annaffiate con abbondante acqua.

Come curarle

Le piante di fragole devono essere annaffiate regolarmente, facendo attenzione nei periodi  caldi che il terreno si mantenga sempre umido. L’ideale è innaffiare al mattino presto per consentire un’evaporazione costante dell’acqua. Un ‘ottima soluzione è un impianto di irrigazione a goccia di cui ne esistono tanti in commercio.  Importante è annaffiare la piantina alla base perché l’acqua non bagni le foglie e i frutti.

La coltivazione in vaso non teme le erbacce mentre nel terreno bisogna effettuare la pacciamatura ricoprendolo con foglie e pagliericcio. Le piantine delle fragole possono essere attaccate da insetti, lumache, afidi o altri parassiti che si possono combattere con rimedi naturali senza ricorrere a pesticidi. Contro le lumache e gli afidi si può spruzzare sulla pianta una soluzione di 2 grammi di peperoncino in polvere sciolto in 1 l di acqua per una settimana. Per i funghi si consiglia un macerato di ortica.

Le proprietà 
Le fragole si raccolgono quando hanno raggiunto il caratteristico colore rosso, e vanno staccate manualmente dal peduncolo. Il frutto della fragola possiede moltissime proprietà salutari:  ha un altissimo potere antiossidante e è una eccellente fonte di vitamina C, è ricca di calcio, ferro e magnesio e ha proprietà depurative. Le fragole hanno un ciclo vitale di tre- quattro anni: una volta iniziata la nostra coltivazione sarà quindi possibile continuare a raccogliere i frutti anche negli anni successivi.

La fragola è un frutto solare, con il suo sapore fresco. Il suo colore intenso e il suo profumo riportano luce e vitalità dopo l’inverno. La piantina delle fragole per il suo effetto ornamentale quest’anno potrebbe sostituire in modo originale un vaso di fiori del vostro balcone. E poi non dovrete che aspettare i frutti per gustarveli, io non vedo l’ora di poter raccogliere la mia prima fragola.

Nell’attesa mi sto gustando le primizie del mio ortolano di fiducia. Le sue fragole mi stanno regalando ottime colazioni, sane e golosissime per quella sferzata di energia che la primavera ci richiede.

 

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply